Parma 22 Marzo 2020

logoLivorno.gif
C:\Users\alessia\Desktop\logo viaggiando 1.com\LOGOBASE - Copia.jpg

Parma

Capitale della Cultura 2020

22 Marzo 2020

Ritrovo dei partecipanti e partenza in bus per Parma. Arrivo in citta’ e incontro con la guida locale per una visita del centro storico. Famosa per la sua universita’ ma anche per il parmigiano e il prosciutto, e’ stata eletta Capitale della Cultura 2020. Gli edifici romanici, tra cui la Cattedrale di Parma con i suoi affreschi e il Battistero in marmo rosa, adornano il centro. Il Teatro Regio, risalente al XIX secolo, ospita concerti di musica classica. La Galleria Nazionale, all’interno dell’imponente Palazzo della Pilotta, espone opere dei pittori come Correggio e Canaletto. Visita di questo importante centro monumentale. Si prosegue per la visita del Palazzo della Pilotta, in verità un complesso museale che oggi ospita alcune tra le più importanti istituzioni della città, come la Biblioteca Palatina, il Museo Archeologico, la Galleria Nazionale, il Teatro Farnese, l’Università degli studi di Parma, l’istituto di storia dell’arte, la soprintendenza alle gallerie di Parma e Piacenza, l’istituto d’arte P. Toschi. Una passeggiata tra i vicoli e i giardini del Palazzo Pilotta per assaporare il cuore vivo e chiacchierone della citta’. Pranzo libero in drogheria situata in centro storico, si consiglia prosciutto di Parma e grana. Nel pomeriggio, tempo libero per attivita’ individuali o per l’acquisto di souvenir…come il profumo violetta di Parma amato da Maria Luigia, la seconda moglie di Napoleone, diventata Duchessa di Parma dal 1816 al 1847. Durante il suo ducato la sovrana era riuscita a conquistare l’amore dei suoi sudditi per il lungo periodo di pace e prosperità a cui li aveva portati. Per questo, anche dopo la fine del ducato, la violetta, il fiore di cui si circondava, rimase simbolo della città.

Quota di partecipazione Euro 42,00

La quota comprende: viaggio in bus, accompagnatore, visita guidata della citta’ 3 ore con guida locale.

Eventuali ingressi esclusi.